Chelsea mette all’angolo il Barcellona

19 Aprile 2012 Commenti chiusi

E’ stata una partita ricca di colpi di scena, il calcio spettacolo mostrato dai Blaugrana era davvero un bel vedere, molto passaggi e tante occasioni, però il gioiello del Barcellona, quello più luminoso, Messi, era un pochino opaco, così Drogba ha dato la gioia ai Blues segnado un bel gol. I blaugrana sono la squadra più forte è probabilmante riusciranno anche a ribaltare il risultato nella partita di ritorno è vero anche, che il Chelsea è la loro bestia nera e sta attraversando un periodo non molto semplice in campionato, quindi non lasceranno campo libero al Barcellona, anche se il ritorno è al Campo Nou. La partita è stata interessante, i giocatori hanno dato il meglio per vincere e anche se l’80% del possesso palla era del Barcellona non è riuscito lo stesso a segnare quel gol che lo avrebbe portato ad affrontare il ritorno con un gol in trasferta avendo così un vantaggio sugli avversari. Al Camp Nou sarà diverso, il Barcellona gioca a casa sua e quando lo fa, si vede, i suoi tifosi incitano in modo molto intenso e spingono la squadra a dare di più, lo spettacolo è assicurato, ma non devono mai sottovalutare gli avversari in quanto hanno una buona occasione e vogliono sfruttarla e poi sappiamo che il Barcellona ha un grosso difetto, non sa difendere e se il Chelsea approfitta di questo potrebbe anche fare il colpaccio.

Categorie:Calcio, Calcio Estero Tag:

Lutto nel mondo del calcio

15 Aprile 2012 Commenti chiusi

E’ morto Piermario Morosini, un giovane calciatore di 25 anni che milita nella serie B a Livorno. Ieri durante la partita di campionato tra Pescara e Livorno, appunto, Morosini si accascia a terra suscitando scalpore e spavento in tutti i suoi compagni. Sembrava un malore, come primo impatto, ma poi si sono accorti che la situazione era più grave, infatti era un attacco cardiaco. I suoi compagni si sono subito dati da fare portando loro la barella con le ruote in campo per velocizzare i tempi, hanno fatto di tutto ma lo sgomento era tale che si sono tutti bloccati. L’intervento dei sanitari è stato tardivo in quando una macchina dei vigli blooccava il passaggio dell’ambulanza e intanto sul campo si faceva un massaggio cardiaco al giovane, orami inutile in quanto era tardi. Tutti coloro che erano lì si sono messi le mani in faccia perchè questo fatto è inspiegabile, Morosini era un atleta giovane e sano, non doveva assolutamente succedere questo, ora toccherà all’autopsia scoprire la vera causa.  Piermario Morosini è cresciuto nell’Atalanta ma ha giocato in molte squadre sia in A che in B, aveva un bel futuro davanti e non meritava questa morte. Apparteneva ad una famiglia sfortunata purtroppo, in quanto ha perso i genitori quando era molto piccolo, un fratello portatore di Handicap si è siucidato all’età di 25 anni, gli restava una sorella, anche lei portatrice di handicap che lui adorava e che ora è rimasdta sola. La vita alle volta fa brutti scherzi questa tragedia di Morosini dovrebbe portare le persone responsabili della sanità a fare molti più controlli e ad essere molto più tempestivi, non devono più succedere queste cose è importante capire che cosa fare e farlo in fretta.

ciao Piermario ora gioca con gli angeli.

 

Categorie:Calcio, Serie B Tag:

Allegri amareggiato dalla posizione dei media

11 Aprile 2012 Commenti chiusi

href=”http://www.net-parade.it/#votazione;utente=sam43” title=”sito”><img src=”http://tools.net-parade.it/images/novita_verde_s.gif” width=”580″ height=”40″ border=”0″ style=”border-color: black” alt=”sito”></a><noscript><a href=”http://www.net-parade.it/iscriviti.aspx” title=”iscriviti”>iscriviti</a></noscript>

In base a ciò che ha dichiarato ai microfono di SKy Sport, Allegri mostra paura e sofferenza questo non è un buon segno. Tutto quello che succede intorno al Milan è stato specificatamente creato da loro, dirigenti e allenatore, nel bene nel male è necessario accettare tale condizione. Si sono sempre vantati di essere i numeri uno e quando sono usciti dalla Champions League i media si sono domandati perchè, si sono chiesti perchè una squadra come il Mlan non ha avuto abbastanza coraggio per affrontare il Barcellona che, è la squdra più forte d’Europa, ma se il Milan avesse giocato il suo calcio e sfruttato le loro debolezze forse ora non sarebbe fuori. Allegri si lamenta sempre di fronte alle telecamere, ha sempre qualche cosa da dire che riguarda gli arbitraggi, questo infastidice, e una squadra come il Milan non deve avere certi atteggiamenti perchè viene penalizzata. Torti e favori gli arbitri li hanno fatti sia al Milan che all Juve, perchè di questo si tratta, il confronto con la Juventus viene particolamente sofferto sia da Allegri che da Galliani perchè, se la Juve dovesse vincere si da la causa al gol di Muntari non dato dall’arbitro, ma questo non è del tutto vero perchè ci sono molte partite e se i rossoneri giocano male la colpa non può essere di un singolo gol non dato. La juve ha molta voglia di vincere, visto gli eventi passati, il milan vuole ripetere la scorsa stagione tutto ciò è possibile basta volerlo in campo, e non di fronte alle telecamere. Il calcio giocato è la migliore medicina per tutti entrambe le squadre stanno facendo un ottima stagione, anche se i media non sono d’accrodo, questa però è la verità, nonostate l’uscita dall champions e i due stop in campionato, il Milan è ancora in corsa per lo scudetto e non deve recriminare nulla ma pensare solo a giocare e fare bene. Allegri è un uomo intelligente e deve capire che non tutti sono d’accordo con le sue idee quindi deve dimostrare di essere in grado di portare la sua squdra ai vertici e , se è il caso, chiudere la bocca ai pessimisti.

 

Categorie:Calcio, Serie A Tag:

Il KO del Milan

8 Aprile 2012 Commenti chiusi

href=”http://www.net-parade.it/#votazione;utente=sam43” title=”sito”><img src=”http://tools.net-parade.it/images/novita_verde_s.gif” width=”580″ height=”40″ border=”0″ style=”border-color: black” alt=”sito”></a><noscript><a href=”http://www.net-parade.it/iscriviti.aspx” title=”iscriviti”>iscriviti</a></noscript>

La giornata di campionato di ieri è terminata con tante sorprese, la prima è il KO del Milan con la Fiorentina, il quale non ha sapuito reagire all’uscita della Champions ed ha affrontato la partita con suffucienza e poca concentrazione, Ibrahimovic non è più decisivo da un pò, a meno che non gli si fa tirare un  rigore, in questo caso è il numero uno. Nonostante venisse da una settimana difficile, il Milan ha affrontato la partita con i viola, sottovalutandola in quanto squadra quasi in fallimento, il Milan ha fatto come fa di solito con le squadre che secondo lui non sono alla sua altezza ma ciò non è accaduto in quanto la Fiorentina, squadra con problemi ha dimostrato che nei momenti difficili sa reagire ed ha messo con le spalle al muro, un milan arrendevole e molto poco costruttivo. Quasi al terrmine del primo tempo, Maxi Lopez si butta platealmente in area procurandosi un rigore inesistente, ma l’arbitro ah visto altro, come sempre  succede con il Milan, Ibrahimovic dal dischetto, non sbaglia e segna il gol del vantaggio,( questo è il nunmero 8). Ciò non ferma i viola i quali, anche se feriti, combattono fino alla fine e trovano il pari con  il suo uomo di punta Jovetic ma non è sufficente in quanto vogliono dimostrare di esserci ancora e l’allenatrore inserisce Amauri che, grazie ad un errore di Mexes che perde la palla, segna il gol del vantaggio mandando in estasi i suoi tifosi e buttando nel burrone i campioni del Milan, ora è secondo il classifica non più primo. Le sorprese del campionato non sono finite in quanto c’è la lotta per il terzo posto e vediamo che l’Udinese ha battuto il Parma per 3-1 e la Lazio che, anche lei ha una situazione piuttosto disatrosa, ha battuto il Napoli per 3-1, un Napoli che non sa più vincere, un Napoli che non può più contare sui suoi tenori perchè hanno perso la voce, e anche la Champions forse. ci sono anocora sette partite e il Napoli dovrebbe vincerle tutte e sperare che le altre due perdano per poter sperare di andare in Champions. Il tonfo più grosso lo ha fatto la Roma che ha perso 4-2 con uno splendido Lecce, l’Inter ha pareggiato con il Cagliari 2-2 ma avrebbe anche potuto perdere visto la splendida prestazione dei sardi, infatti sono passati in vantasggio per primi con Astori e poi Milito ha fatto il suo show. Il pareggio può anche andare bene per i sardi ma non per i nerazzurri perchè così non vanno in Europa ed è un danno molto grave. Mercoledì c’è l’infrasettimanale sicuramente ci saranno nuove situazioni e nuove sfide che le squadre dovranno affrontare in particolare quelle che stanno sulla graticola e la prima in classifica che dovrà dimostrare di essere al posto giusto.

 

Categorie:Calcio, Serie A Tag:

La juve da sola in cima alla classifica

8 Aprile 2012 Commenti chiusi

href=”http://www.net-parade.it/#votazione;utente=sam43” title=”sito”><img src=”http://tools.net-parade.it/images/novita_verde_s.gif” width=”580″ height=”40″ border=”0″ style=”border-color: black” alt=”sito”></a><noscript><a href=”http://www.net-parade.it/iscriviti.aspx” title=”iscriviti”>iscriviti</a></noscript>

La juve ha effettuato il sorpasso approfittanto dei due stop del Milan, ora è da sola davanti un punto dai rossoneri. La partita è iniziata come al solito, la juve attacca e il suo avversario che in questo caso è il Palermo, e lui  si difende o alemno tenta di farlo, ma la superiorità della Signora è troppo grande e i sicilianicnon ce la fanno  a contenerla. Per tutto il primo tempo la juve cerca di segnare il gol che la porterebbe prima in classifica, crea molte occasioni ma nulla da fare, infatti il Palermo è sempre stata la Besta nera dei bianco neri, ma di questo non si curano e giocano il loro calcio facendo divertitre il loro pubblico. La svolta arriva nel secondo tempo quando Bonucci, da un corner, spizzica di testa la palla facendola finire nell’angolino dove il portiere siciliano non può nulla. Dopo aver subito il gol il Palermo, è a terra, non si difende e non attacca, non ha più alcuna arma contro la supremazia juventina e così arriva il raddoppio di Quagliarella che mette al sicuro la partita e manda la sua juve in vetta al campionato. Conte dichiara: “Abbiamo voluto la bicicletta ora dobbiamo pedalare” con questa affermazione ha fatto i complimenti ai suoi ragazzi ma ora, anche se è bello stare davanti, la responsabilità di vittoria è maggiore perchè adesso lo scudetto lo può perdere solo la juve mentre fino a poco fa era il contrario. Il Milan ha fatto due passi falsi e si è giocato una buona occasione di distaccare la juve ora, con la voglia di vittoria dei bianconeri, e la fame che ha, credo non sia facile spostarla da lì. La Juve è stata prima in classifica per tutta l’andata e un pò de ritorno, ora è dove deve essere ed è giusto così.

 

Categorie:Senza categoria Tag:

La Cina per Lippi e forse di Del Piero

5 Aprile 2012 Commenti chiusi

<a href=”http://www.net-parade.it/#votazione;utente=sam43” title=”sito”><img src=”http://tools.net-parade.it/images/novita_verde_s.gif” width=”580″ height=”40″ border=”0″ style=”border-color: black” alt=”sito”></a><noscript><a href=”http://www.net-parade.it/iscriviti.aspx” title=”iscriviti”>iscriviti</a></noscript>

Nel cammino di Marcello Lippi c’è la Cina la quale dopo un lungo corteggiamento da parte del presidente della società Lin Yongzhuo, è riuscito ad accaparrarsi uno dei migliori tecnici italiani il quale avrà modo di insegnare tanto a questi giocatori. Il loro calcio è acerbo, molto giovane e riguardo alla tecnica sono molto scarsi, per questo Lippi non sarà solo un allenatore, ma anche un maestro che insegnerà loro come si gioca al calcio vero e anche alcune tecniche di gioco italiano. In Cina si trova anche Nicolas Anelka, il quale ha militato in tanti campionati e non solo, ma c’è una possibilità alquanto concreta che ad approdare in Cina sia Alessandro DelPiero il capitano assoluto della Juventus potrebbe andare a giocare in un campionato molto diverso ma che gli da la possibilità di dimostrare a tutti che nonostante abbia 37 anni può ancora giocare e dare molto alla suqdra. In Cina lui potrebbe essere l’idolo in quanto conosce certi giochetti con il pallone che potrebbe fare impazzire le giovani cinesine non solo ma anche i suoi nuovi compagni di squadra. Lippi conta molto su di lui, questa sarebbe una seconda occasione e potrebbe ancotra vincere molto, certo non ci sono le competizioni europee però ci sono quelle asiatiche e potrebbero anche piacere al Grande Capitano. La Juve perde un elemento molto importate, lui è il simbolo dei bianconeri e ovunque andrà a giocare questo non cambierà le cose, nessuno è in grado di prendere il suo posto, questo è scontato e sicuramente mancherà sia in campo che fuori.

<a href=”http://www.net-parade.it/#motori”><img alt=”forum” src=”http://tools.net-parade.it/images/bottone.gif” border=”0″/></a>

 

Categorie:Calcio, Calcio Estero Tag:

Chelsea e Real Madrid affronteranno Barcellona e Bayern Monaco

5 Aprile 2012 Commenti chiusi

<a href=”http://www.net-parade.it/#votazione;utente=sam43” title=”sito”><img src=”http://tools.net-parade.it/images/novita_verde_s.gif” width=”580″ height=”40″ border=”0″ style=”border-color: black” alt=”sito”></a><noscript><a href=”http://www.net-parade.it/iscriviti.aspx” title=”iscriviti”>iscriviti</a></noscript>

Il Real Madrid vince facile con L’Apoel di Nicosia, 5-2, una partita con poche emozioni, l’Apoel è riuscito a fare due Gol ma senza impensierire più di tanto la sicurezza degli spagnoli. Mourinho si porta già avanti, parlando degli arbitraggi dice che, sono molto bravi e furbi e commenta anche le parole di Ibrahimovic dopo la partita persa con il Barcellona. Lo definisce un tragazzo intelligente e dice anche che lui era al corrente di questo, fin da quando giocava nel Real, sapeva della sudditanza del Barcellona. Questa situazione fa si che Mourinho si mette in mostra e si tira dietro anche Ibrahimovic, il quale, anche lui ha dichiarato certe cose. Questa è una situazione spiacevole e lo special One deve capire che è ora di finirla di dare spettacolo davanti ai microfoni e pensare solo al calcio giocato, e poi, non deve dimenticare che il suo prossimo avversario in champions è il Bayern Monaco , non è da sottovalutare, in quanto non è una squadretta e poi la finale si giocherà in Germania quindi ha un motivo in più per battere Mou e i suoi.

Anche il Chelsea passa e affronterà il Barcellona in semifinale. Allo Stamford Bridge gremito, il Chelsea è favorito ma il Benfica parte subito aggresivo rischiando di andare in vantaggio nei primi minuti, mai blues non intendono stare a guardare e cominciano il loro show.  Il risultato si sblocca con il rigore provocato da Javi Garcia su Cole e realizzato da Lampard, ma questo non ferma il Benfica che non si arrende e, nonostante la squadra sia rimasta in 10 per il doppio giallo di Maxi Pereira, al minuto 85 Javi Garcia gela lo Stamford Bridge con il gol del pareggio. Di Matteo inserisce la carta Raul Meireles e al minuto 92, tutto da solo, va in porta e segna il gol del 2-1 così saranno i blues ad affrontare i blaugrana di Guardiola.

Categorie:Calcio, Speciale Coppe Tag:

I tedeschi del Bayern Monaco sono in semifinale

4 Aprile 2012 Commenti chiusi

Il Bayern Monaco vola in semifinale con lo stesso risultato dell’andata, 2-0 contro i francesi del Marsiglia. Privo dei suoi gioielli come Gomez, Robben e Schweinsteiner, va lo stesso in gol con Ribery e il giovane croato Olic. Il portiere bavarese Manuel Neuer non ha permesso a nessuno di violare la sua porta, disputando una gara attenta e giudiziosa, ora aspetta la vincente del secondo quarto di fianale il quale si disputerà questa sera e, salvo sorprese, dovrebbe essere il Real Madrid, che alla’andata ha vinto per 3-1 contro L’Apoel di Nicosia.

Mourinho ha l’occasione, per l’ennesima volta, di andare in finale, è favorito con i suoi campioni del Real ma c’è l’effetto sorpresa, il pallone è rotondo e i guai sono dietro l’angolo soprattutto visto l’intesa che Mou ha con gli arbitri. Non deve mai sottovalutare gli avversari anche perchè i bavaresi del Bayern non sono una squadra da poco ma ha molte qualità e voglia di vincere.

Categorie:Calcio, Calcio Estero Tag:

Ibrahimovic e i suoi lamenti

4 Aprile 2012 Commenti chiusi

Non capisco il motivo del secondo rigore” Questo è quello che l’olandese ha dichiarato ai microfono della tv come giustificazione alla sua pessima prestazione. L’arbitro ha assegnato due rigori al Barcellona, forse dubbi, ma la prestazione dei rossoneri è stata del tutto opaca senza voglia. Questo signore non era all’altezza di arbitrare una partita di questa importanza è vero ma in campo si è visto una sola squadra ciò significa che Allegri deve migliorare molte cose sia a livello competitivo in Europa, sia a livello umano. Il Milan non è entrato in campo con lo spirito giusto, ha giocato solo i primi minuti e poi ha lasciato tutto nelle mani degli avversari. Il Barcellona è la squadra più forte, ma si poteva fare qualcosa in più, l’opportunità c’era dovevano solo sfruttarla, pensare che bastava un pareggio. Ibrahimovic avrebbe dovuto trascinare la sua squadra, fare in modo che tutti i palloni arrivassero a lui per poter andare in porta deciso e sicuro e segnare, lo sa fare bene perchè in campionato è il numero uno, ma qui stranamente non lo ha fatto ed ha lasciato l’iniziativa ai Blaugrana e loro non si sono certo tirati indietro. Non serve a nulla polemizzare dopo, perchè tutto ciò che è successo in campo non si può cambiare, Allegri è una persona intelligente e sa perfettamente che questi atteggiamenti non fuzionano ma continua ad averli ciò danneggia la sua squadra e la loro prestazione. In campo per il Milan c’era qualcosa che non ha funzionato per esempio, in difesa Mexes non è stato in grado di coprire bene la sua posizione, era meglio Bonera, Pato non era pronto e Allegri lo ha inserito lo stesso, insomma tutti hanno colpe, si può dire che è uscita a testa alta questo è vero, contro la squadra più forte del mondo, però avrebbe potuto fare molto di più e di questo ne sono consapevoli giocatori eallenatore ma è più comodo fare polemica che in Europa, si sa, non conta molto. Ibrahimovic deve dare la carica ai suoi e a se stesso, è l’uomo simbolo e deve dimostrare di essere all’altezza.

Categorie:Calcio Tag: